Lettori fissi

venerdì 30 settembre 2011

MANUALMENTE ha fatto una vittima...

cioè me! ieri pomeriggio, sola soletta me ne andavo in quel del Lingotto a vedere tutto quel ben di Dio esposto in banchi....c'era di che perdere la testa! stoffe...nastri...pizzi...perline...saponi...pannolenci e feltro a perdita d'occhio...mi sono fatta un primo giro "a scopo conoscitivo" e poi...via con gli acquisti!!!
ecco che mi sono comprata...

stoffine per una nuova Tilda, bottoncini a forma di stella, fiore e cuore, perline e perlone in legno, saponettine cuoriciose e gli "spilli" per fare degli orecchini...e poi, lo vedete quel canovaccio sotto con quella stampa romboidale? ecco, quello è stato la causa della mia sosta nello stand di Roberta De Marchi...mi sono fatta spiegare cosa fosse e come si utilizzasse quella cosa cosa curiosa...e ho scoperto il barbatrucco per un quilt perfetto....mi sono fatta spiegare come si utilizzasse eeee...sorpresa sorpresa, ho scoperto che è una cosa banalissima....

e poi, scritta a questa maniera, è ancora più banale però è una lezione di quilting stringatissima ed essenziale...e poi, detta così, chi non ci riesce? hahahahaahaha....oggi ci provo...magari viene fuori una cagatina ma almeno c'ho provato! ci vediamo prossimamente con i le mie prove da quilter!
ciao ciao fanciulleeeee.....a prestoooo!!!!!

giovedì 29 settembre 2011

e il premio del candy è....

....rullo di tamburo......
eccolooooo!!! questo libro è eccezzionale, ve lo garantisco! l'ho letto e sono già a metà...è...è...troppo belloooo! ragazze forza...su, vi aspetto numerose!!!! è chiaro che la copia del libro in palio sarà nuova di zecca...il mio non si tocca :-D

lunedì 26 settembre 2011

un momento...

ma è Autunno!!!! non vi nascondo che l'autunno è la mia stagione che preferisco...clima mite, colori, sapori in crescendo. amo i colori dell'autunno e il sapore delle caldarroste...ne sento già il sapore e il tepore del cartoccetto caldo tra le mani...eeeh che ne dite, vi va un candy giusto per inaugurare la nuova stagione autunnale? giusto così anche per stare in compagnia a fare quattro chiacchiere...qual'è la ricetta che vi ricorda questa stagione?
  1. diventare mie follower 
  2. lasciate un commento a questo post,
  3. mettete il banner nel vostro blog con il link attivo
  4. chi non ha un blog e vuole partecipare lasci un commento con annessa e-mail
allora, partecipate? vi aspetto numerose fino al 15 ottobre...cosa si vince? già...cosa potrei mettere in palio? humm...sono indecisa...ci vediamo domani e vi dico!

domenica 25 settembre 2011

che carinooooo....

ieri sera stavo chattando con la mia amica Laura Che Birba...si parlava del più e del meno quando mi chiede:
"tu conosci pinterest?"
"no, che cos'è?"
"una specie di flickr, per condividere immagini..."

bene, sono andata a sbirciare e...che ti trovo? questo link http://www.cutoutandkeep.net/ ...dategli un'occhiata, così...tanto per vedere e sono sicura che qualcosa di interessante lo trovate.

tipo questa cosina deliziosa, per esempio...

venerdì 23 settembre 2011

MA CHE CAVOLO...

RICEVO E VI GIRO...(augurandomi che non vi succeda mai ! )
Una sera, mentre percorrevo una via secondaria per tornare a casa, ho notato, sul seggiolino di un'auto, ferma a bordo della strada, e con una porta  posteriore semi aperta.  un bambino coperto da un panno. Nessuno in vista.

Non so spiegare perchè - e la ragione poco importa – ma, non mi sono fermata...
Quando sono arrivata a casa, ho però telefonato alla Polizia,segnalando l’episodio. Mi hanno assicurato  che sarebbero andati a controllare.

La Polizia mi ha però informata,  che , molto spesso, le bande di malviventi  ( Rom o  ladri) stanno escogitando vari stratagemmi perchè gli automobilisti (soprattutto donne) fermino il proprio veicolo e ne scendano (in zone isolate).

Il metodo praticato da certe bande, consiste nel posizionare una macchina lungo la strada, con un falso bebè seduto dentro, aspettando che una donna si fermi per andare a vedere quello che, lei, crede essere un bimbo abbandonato.

Da notare che la macchina è solitamente messa vicino a un bosco e ad un campo con l'erba alta: la persona che ha la malaugurata idea di  fermarsi, sarà trascinata nel bosco, violentata, picchiata e derubata...

Non fermatevi mai, ma chiamate il 113 appena possibile, raccontando quello che avete visto e dove l'avete visto, MA CONTINUATE LA VOSTRA STRADA !

Altro espediente.
Se, mentre state guidando, vi 'arrivano' delle uova sul parabrezza, non fermatevi, ma, soprattutto, non azionate il lavavetri, perchè le uova, miste all'acqua, diventano collose e vi oscurerebbero il parabrezza fino ad oltre il 90%!
Sareste allora costretti a fermarvi al bordo della strada, diventando potenziali vittime di criminali.

Ecco, queste sono alcune delle nuove tecniche utilizzate dalle gang.
Informate anche i vostri amici, per favore. Grazie !


POSSO DIRE CHE MI PARE 'NA STRONZATA?

mercoledì 14 settembre 2011

in Dandini mode!

Leggete "Dai diamanti non nasce niente" e vi parte l'embolo per farvi diventare pollici verdi (quasi) infallibili!

adesso ditemi, quante di voi hanno letto il libro di Serena Dandini? su su...non fate le timide...forza, ditemi anche voi che cosa ne pensate...va bene, và...inizio io.
vicino casuccia mia ci sono ben 3 librerie...una senza nome, una che si chiama...se non sbaglio Universale e poi c'è il Libraccio, la mia preferita! alla cassa c'è una ragazza che ha la classica faccia da bibliotecaria...ma tanto simpatica e tanto gentile...lo è così tanto che ho quasi fatto amicizia con lei.
ieri ci sono andata 3 volte per cercare lo stesso libro intitolato "starcaller...starc...c...e che cazz, non mi ricordo, passo dopo con il titolo giusto ma l'ha scritto una francese con un cognome italiano..."
adesso, voi avete presente quanta gente c'è a questo mondo che ha un nome francese e cognome italiano? UNA MAREA! li ho passati tutti in rassegna i nomi che conoscevo...ma niente...poi, con un lampo di genio sono andata nel negozio con il nome scritto correttamente su un bigliettino e allora..."ti mando un sms quando arriva, ok?" e io" ok....allora prenotami pure questo...altro nome francese....un libro sulla cucina..." così mi sono prenotata 2 libri...uno è un regalo, l'altro...bhè pure quello! ma per me! ma insieme a quei libri...mi sono portata a casa il libro di Serena Dandini
bene, chi l'ha letto? io sono ancora a metà ma ho rivoluzionato le piante di tutto il terrazzo, ho aggiunto una ninfea dentro una pentolona che serviva (anticamente) per le conserve di pomodoro ma ciò che vi ho trovato dentro (le ragnatele e le incrostazioni di cemento hanno avuto la meglio sul mio stomaco!) hanno fatto si che diventasse una vasca per fiori acquatici. Benedetta Serena! lei le ninfee le ha messe dentro una vasca di alluminio (quelle per la roba da stendere delle nostre nonne, per intenderci) e io ho trovato in casa un degno contenitore per la mia piantina. adesso bisogna solo sperare che nessuno me l'ammazzi buttando dentro del pattume e che sopravviva al clima taurinense.
chi vivrà, vedrà!

e finalmente son tornata...sana!

ciao belle patonzeeee! bentrovate! come state? tutte bene? si? adesso anch'io...sono tornata i primi di settembre dalle vacanze in montagna e il rientro è stato con il botto! verso il 20 di agosto mi avevano chiamata dall'ospedale S. Anna di Torino per ricoverarmi...che menata! infatti il giorno 5 settembre entro in ospedale e...come benvenuto UNA FIALA DI SANGUE IN MENO! ...non mi piace per niente sto modo di dare il "benvenuto" a un paziente in ospedale :-) però...mi cambio, metto le calzettone contenitive anti-trombi, e poi, nuda come un verme...non è vero, avevo il camice di carta (e pure trasparente dell'ospedale!), mi mettono in una barella con un lenzuolo addosso...entro in sala operatoria...battevo i denti..."infermiera mi scusi...è normale sto freddo?" "si perchè mantiene bassa la carica batterica...e mantiene giovani" (che culo!) tra me e me dicevo "preferisco invecchiare al caldo..." e mentre penso mi trascinano nella vera sala operatoria (ancora più fredda! mortacci loro!) mi guardo intorno...mi ha preso il panico...o forse no perchè penso seriamente che l'assistente del mio ginecologo mi abbia fatto l'anestesia "a tradimento" apposta perchè "stavo guardando troppo" :-) da li in poi...ore e ore di vuoto assoluto in compenso un dolore terribbbile (con due "b" per rendere meglio l'idea!forse sono meglio 3!)
arriva l'infermiere, mi carica su un'altra barella...e chiedo: "sssscusi...che ore shono?" e il tipo "sono quasi le 5!" LE CINQUEEEEEE????? ma io sono entrata alle 8.30 stamattina...
arriva il mio adorato ginecologo...avete presente quei tipi che li guardi e ti passa ogni magagna? ecco, lui è uno di quelli! UN TRONCO DI GNOCCO INFINITO...almeno per me...alto, castano chiaro, occhio ceruleo, sposato :-(... bhe, per farla breve..."signora, è andato tutto bene, l'abbiamo tenuta in osservazione perchè ha perso una litrata di sangue...l'intervento è durato più del previsto perchè...." e ha iniziato a snocciolarmi tutto quello che aveva trovato ma credo che da quel punto in poi ho perso conoscenza (maledetta anestesia, non mi sono goduta il mio dottore!)
5 giorni di ospedale con le infermiere (e anche le oss) più reffiose del mondo tranne 2 o 3 che erano veramente gentili. all'alba del 4 fermo la caposala: "mi scusi, maaa...quando mi dimettete?" e lei:"domani!" io avrei voluto saltare di gioia ma il drenaggio minacciava di far compagnia al pavimento e la panza...quella doleva assai...
il giorno seguente, l'assistente del mio ginecologo con un sorrisino (diabolico, adesso che ci penso...) mi invita a seguirla in infermeria...io tutta traballante la seguo speranzosa...insieme a lei c'è una tirocinante (la guardo con occhio sospetto...)
"prego signora, si accomodi sul lettino"
"dov'è?"
"è dietro il paravento...si tolga le pantofole e tiri su la camicia da notte..."
io bella tranquilla mi accomodo, faccio due battute cretine (maledetto nervosismo!) e poi...
"faccia un bel respiro profondo...."
ZAAAAC....
AAAAAAAAAHHHHHH....CHE DOLOREEEEEEE....
quella stronza mi ha sfilato di botto il drenaggio...avevo almeno 25 cm di tubicino infilato nella panza...mi pareva fossero uscite insieme al tubo anche le budella....però...via il dente, via il dolore...
adesso, se penso alle cose positive che ne sono scaturite da quest'esperienza dico:
meno male che non sono l'unica a scuocere la pasta della minestrina,
meno male che c'è qualcuno che cucina peggio di me,
meno male che a casa ho il dado che mi ha fatto la mia adorata mammina,
meno male che ho incontrato Fernanda che ha allargato i miei orizzonti lettererari in direzione fantascientifica,
ma soprattutto MENO MALE CHE SONO USCITA DAL QUEL GIRONE DEL PURGATORIO!
adesso sono più che sicura che un posto in Paradiso me lo sono meritato!